Utilizzo F24 anche per le somme da registrazione di atti pubblici e di scritture private autenticate

Dic 9, 2020

Utilizzo F24 anche per le somme da registrazione di atti pubblici e di scritture private autenticate

Con il Provvedimento del 27 novembre 2020 l’Agenzia delle Entrate ha esteso l’utilizzo del modello F24 al pagamento dei tributi e dei relativi interessi, sanzioni e accessori dovuti per la registrazione degli atti formati per atto pubblico o per scrittura privata autenticata, e al versamento dell’imposta sulle donazioni,  nei casi di registrazione degli atti presso gli uffici territoriali dell’Agenzia delle entrate.
Restano ferme le modalità di versamento già previste per le somme dovute per gli atti dei pubblici ufficiali registrati telematicamente, utilizzando il “Modello unico informatico” attraverso la piattaforma SISTER.

Per consentire un graduale aggiornamento delle procedure e dei sistemi informatici interessati l’adozione del modello “F24” è stabilita con riferimento agli atti presentati per la registrazione dal 7 dicembre 2020.
E’ previsto un periodo transitorio, fino al 30 giugno 2021, in cui sono comunque considerati validi i versamenti effettuati sia con modello “F23” che con modello “F24”.
A partire dal 1° luglio 2021, invece, i suddetti versamenti dovranno effettuati esclusivamente con il modello “F24”.

Nel Provvedimento viene infine chiarito che i versamenti richiesti a seguito di atti emessi dagli uffici dell’Agenzia delle entrate dovranno essere effettuati esclusivamente con il tipo di modello di pagamento indicato negli atti stessi.

Fonte: https://www.agenziaentrate.gov.it

Il Direttore Generale Rete di Veneto Eccellenze