Dichiarazione modello Redditi 2019: scadenza anticipata a settembre

Mar 5, 2019

Dichiarazione modello Redditi 2019: scadenza anticipata a settembre

Il modello per la dichiarazione Redditi 2019 e le relative istruzioni sono stati pubblicati dall’Agenzia delle Entrate in via definitiva. Tra le novità l’anticipo (o meglio dire il ritorno) della scadenza al 30 settembre.

Dichiarazione modello Redditi 2019: l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato le istruzioni e i moduli da utilizzare per la nuova stagione dichiarativa.

Non mancano le novità e per quel che riguarda l’ex modello Unico tra le modifiche vi è anche quella del termine di scadenza per la trasmissione. Non ci sarà più tempo fino al 31 ottobre, ma viene ufficialmente ripristinata la scadenza ordinaria del 30 settembre.

Resta invece fissata tra il 2 maggio e il 1° luglio la scadenza per l’invio nel caso di presentazione del modello Redditi PF 2019 cartaceo per il tramite di un ufficio postale.

Era stato lo spesometro a comportare il rinvio della scadenza del modello Redditi, per effetto delle disposizioni di cui al comma 932 dell’articolo 1 della Legge 205/2017 (Legge di Bilancio 2018) volte ad evitare che in un’unica giornata ci fossero più adempimenti in scadenza.

Superato lo spesometro, sostituito dalle fatture elettroniche, viene menoanche la necessità di una proroga ad ottobre della scadenza della dichiarazione dei redditi. Ma non è certo questa l’unica novità.

È l’Agenzia delle Entrate a comunicarle, nelle istruzioni per la compilazione del modello Redditi 2019 che di seguito si allegano.

Dichiarazione modello Redditi 2019, scadenza e istruzioni

Il modello Redditi PF (ex Unico) è comunemente noto come la dichiarazione dei redditi dei titolari di partita IVA.

Viene utilizzato anche in altri casi da lavoratori dipendenti e pensionati che per diverse ragioni non possono avvalersi del modello 730 o che devono presentare soltanto alcuni quadri del modello Redditi (ad esempio i quadri RM, RT e RW per i redditi posseduti all’estero).

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il 30 gennaio 2019 il modulo aggiornato per l’anno in corso, relativo ai redditi 2018 e che dovrà essere presentato come già anticipato entro il 30 settembre 2019.

Sono tre i fascicoli da compilare ed inviare all’Agenzia delle Entrate. Nello specifico:

1) il FASCICOLO 1 (obbligatorio per tutti i contribuenti) è suddiviso in:

  • FRONTESPIZIO costituito da tre facciate: la prima con i dati che identificano il dichiarante e l’informativa sulla privacy, la seconda e la terza che contengono informazioni relative al contribuente e alla dichiarazione;
  • prospetto dei familiari a carico, quadri RA (redditi dei terreni), RB (redditi dei fabbricati), RC (redditi di lavoro dipendente e assimilati), RP (oneri e spese), LC (cedolare secca sulle locazioni), RN (calcolo dell’IRPEF), RV (addizionali all’IRPEF), CR (crediti d’imposta), DI (dichiarazione integrativa), RX (risultato della dichiarazione).

2) il FASCICOLO 2 che contiene:

  • i quadri necessari per dichiarare i contributi previdenziali e assistenziali e gli altri redditi da parte dei contribuenti non obbligati alla tenuta delle scritture contabili, nonché il quadro RW (investimenti all’estero) ed il quadro AC (amministratori di condominio);
  • le istruzioni per la compilazione della dichiarazione riservata ai soggetti non residenti;

3) il FASCICOLO 3 che contiene:

  • i quadri necessari per dichiarare gli altri redditi da parte dei contribuenti obbligati alla tenuta delle scritture contabili.

Nelle relative istruzioni, l’Agenzia delle Entrate spiega che i contribuenti che hanno percepito solo redditi da lavoro dipendente, terreni e fabbricati dovranno compilare soltanto il fascicolo 1.

I titolari di partita IVA devono invece compilare il Fascicolo 1 e gli eventuali quadri aggiuntivi contenuti nei Fascicoli 2 e 3.

Ecco di seguito i tre fascicoli del modello Redditi PF ex Unico e le istruzioni per la compilazione e l’invio della dichiarazione dei redditi entro il 30 settembre 2019:

Modello Redditi PF 2019 – fascicolo 1

Clicca per scaricare

Modello Redditi PF 2019 – fascicolo 2

Clicca per scaricare

Modello Redditi PF 2019 – fascicolo 3

Clicca per scaricare

Istruzioni modello Redditi 2019 – fascicolo 1

Clicca per scaricare

Istruzioni modello Redditi 2019 – fascicolo 2

Clicca per scaricare

Istruzioni modello Redditi 2019 – fascicolo 3

Clicca per scaricare

Tutte le novità nel modello di dichiarazione dei redditi 2019

Con la pubblicazione del modello Redditi PF 2019, l’Agenzia delle Entrate presenta le novità al debutto nei nuovi moduli per la dichiarazione dei redditi.

Tra queste vi è la detrazione del bonus verde, prevista per le spese sostenute per interventi di sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi e di realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Da quest’anno è possibile indicare nei modelli Redditi l’ammontare delle liberalità in denaro o in natura erogate a favore delle ONLUS, delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale, per le quali è riconosciuta alle società ed enti una deduzione dall’IRES. Inoltre, è stata prevista anche la possibilità di indicare le erogazioni liberali in denaro o in natura a favore dei medesimi soggetti, per le quali è riconosciuta una detrazione ai fini IRPEF.

Per quel che riguarda la determinazione del reddito d’impresa, i relativi quadri del modello Redditi PF 2019 sono stati aggiornati per tenere conto delle modifiche apportate alla disciplina sul riporto delle perdite, che prevede a partire dal 2018 la possibilità di riporto nei periodi d’imposta successivi senza limiti di tempo e di utilizzo in misura limitata (le perdite maturate nei primi tre anni di attività sono, invece, utilizzabili per l’intero importo).

Il Direttore Generale di Rete Veneto Eccellenze